mercoledì 24 settembre 2014

a volte conviene non fare (Amarone 2014)

Sfogliando la rosea alla rovescia, mi imbatto anche in queste pagine non sportive e in Gazza Golosa trovo Romano DAL FORNO un campione dello Sport della Vigna, che da Verona primeggia in Italia. Dopo aver riassunto la sua filosofia di coltivazione "pianto quasi 13'000 piantine per ettaro perché credo nella coltivazione bonsai per ottenere uva piccola con profumi più concentrati" conclude "il 2014 è stato un anno davvero anomalo: ho già deciso che non farò l'Amarone, ma credo di poter comunque produrre un buon Valpolicella".

Mi sono tornate in mente le parole di Guido MARTINETTI, capo gelatiere GROM, che si lamentava ancora due anni fa di aver proposto un sorbetto non all'altezza dopo una stagione troppo piovosa solo per "non aver avuto le palle per dire: non faccio il sorbetto al mandarino". A volte conviene non fare, anche se è duro mantenere la decisione.

lunedì 22 settembre 2014

Difendere l'Atletica in Rosea (Gelindo BORDIN e Stefano BALDINI)

jpg alta risoluzione
Non si offenda Claudio RINALDI se gli rubo alcune battute dal libro sul Professor Fatica (pagg.118-119).

Ultima domanda, sul doping. Gigliotti dice che lei è il testimonial perfetto per la lotta al doping.
Può darsi, ma non perché io sia un purista, nella vita. Non lo sono, così come non sono un frate. Però non sono un baro, non lo sono mai stato e non lo sarò mai. A chi dice che il doping fa male io rispondo che non è questo il punto: ognuno fa le sue scelte. Io fumo, lo so che mi sto avvelenando, però non faccio male a nessun altro che a me. Invece quando corri drogato sei un baro. E questo non lo accetto, come non lo accetto nel lavoro. Ho sempre cercato di rispettare tutti, nella vita. Magari non ci sono riuscito molto con le donne: ne ho mollate tante, è vero, ma ho tradito poco. Magari andrò all'inferno, per questo. Per il resto, non ho mai barato: mi sarei sentito male se lo avessi fatto. E non tollero nessuno che bari. Dopo gli Europei dell'86, la Gazzetta dello Sport aveva messo in dubbio tutto, parlando di doping. Sono andato in redazione e sono entrato come una furia nell'ufficio di Candido Cannavò, il direttore. L'ho preso per il bavero e gli ho urlato: "Lei domani" gli davo ancora del lei "fa una smentita, ha capito?". E lui "No... ma... io...". "Glielo dico io: lei domani fa una smentita, altrimenti torno e la meno. È chiaro il concetto?". E lei ha capito perché dico che sono un rompicoglioni? Proprio come Lucio, il mio Lucio ...

giovedì 18 settembre 2014

Lo Sport del Doping, dilettanti allo sbaraglio e corsari all'arrembaggio

Utilizzo facebook in modo trogloditico così mi perdo tante cose e ieri sera sulla via di Creazzo mi è stato letto da Stefano il post del comune amico Matteo GALVAN che vi propongo in forma leggermente rieducata, dal momento che il vicentino per giorni è stato in copertina al blog di Claudio GATTI ...


lunedì 15 settembre 2014

Lo Sport della Scuola, i nostri figli possono salvarsi

### siamo stati accolti tutti, alunni e genitori,
nella classe e poi nella palestra:
seleziono questo ritaglio senza coinvolgere altri ###

Camilla ha volato veloce dal cortile al piano di sopra in 5^A, mentre la coordinatrice, scendendo alle quarte-terze-seconde, alla fine ha chiamato uno a uno gli esordienti in prima.

Tommaso era felice di sentirsi grande alla Scuola Materna qualche mese fa, orgoglioso di fare il tempo pieno poi alla Primaria. L'estate è passata in fretta e nelle ultime settimane aveva qualche dubbio, sentendosi inadeguato perché vedeva sorella e cugini riempire i quaderni delle vacanze ... io non so la matematica!?! io non so l'italiano!?! ... pur con tutte le rassicurazioni dei genitori.

Era tranquillo nel cortile, anche perché si è riformato un gruppo di superbanditi, in prima fila anche in aula. Dopo un minimo di presentazione e il battesimo del banco, ci siamo trasferiti in palestra dove era stato preparato un mini circuito (coni, ostacoli alti e bassi, materassone, cerchi, panca, spalliere) dove i neo alunni hanno cominciato a esprimersi ...

domenica 14 settembre 2014

Lo Sport del Doping, un lungo e continuo tacco punta

Io smisi di parlargli nel 1984, gli telefonai e gli dissi: «Per quello che mi riguarda, da oggi i nostri rapporti si chiudono».
C'erano due motivi, gravi entrambi, ai miei occhi.
Uno: si era allargato troppo, aveva questa frenesia di uscire dall'ombra, di prendersi dei meriti non suoi. Non mi stava bene. Dietro Cova c'era Giorgio Rondelli, il suo allenatore. Sono gli allenatori che vanno sul campo con gli atleti, che lavorano con loro, che si dedicano a loro. E invece Conconi cercava di far passare il concetto che i meriti fossero principalmente suoi. No. I meriti delle vittorie di Cova erano di Cova in primis e di Rondelli.
Due: fu nell'84 che il presidente del Coni, Gattai, dichiarò fuorilegge, in quanto emodoping, l'autoemotrasfusione che Conconi praticava. Questo, per me, bastava per interrompere i rapporti: perché, come avevo sospettato, Conconi si guardò bene dallo smettere con quella pratica.
Tanti atleti - della marcia, dello sci di fondo - continuarono a frequentarlo, a seguirlo. Io no. Mai più visto né sentito da quella telefonata.

venerdì 12 settembre 2014

Lo Sport del Doping, caso SCHWAZER come caso ARMSTRONG?

La Gazzetta si è fatta anticipare dal Sole 24 Ore ma ora si riprende gli spazi per argomenti che sembrano appartenere più all'area sportiva che a quella economica: scenografica doppia pagina mercoledì mattina e pillole web, contornate poi giovedì con due note interessanti ...

mercoledì 10 settembre 2014

Lo Sport del Doping, la Gazzetta legge il Sole 24 Ore

Su molto meno ha montato lunghe campagne giornalistiche e la Gazzetta che può accedere al 415bis sul caso SCHWAZER si limita a citare "secondo Il Sole 24 ore, nella documentazione che ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio per gli ex medici federali Giuseppe Fischetto e Pierluigi Fiorella, e per la dirigente Rita Bottiglieri, ci sono dichiarazioni che vanno soprattutto in una direzione: le abitudini di Schwazer e il suo rapporto con il dottor Michele Ferrari, ..., erano noti nell'ambiente Fidal ed erano stati denunciati ..."

http://www.ilsole24ore.com/ ... 063846.shtml

sabato 6 settembre 2014

Lo Sport del Doping, ancora in marcia (415bis per Alex SCHWAZER e altri)

Giovedì sera ho visto il cartaceo prima dell'online e, nel dubbio che il testo web fosse ridotto, l'ho pure fotografato alla fioca luce del portico: finalmente chiuse le indagini su Alex SCHWAZER, sette mesi dopo l'annuncio ...


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...