giovedì 27 novembre 2014

Lo Sport del Doping, ha ragione CALCATERRA e vince DI CECCO (mondiali 100km Doha)

Non cambia una virgola nelle argomentazioni della vigilia, ma la classifica sul campo (qui lo striminzito comunicato FIDAL, dopo aver ignorato la manifestazione) ha dato in qualche modo ragione ad Alberico DI CECCO che ha corso ed è arrivato primo degli italiani ai Campionati del Mondo di 100km ...


Giorgio CALCATERRA ha detto subito la sua nel suo sito dopo una gara disastrosa, ma portata dignitosamente a termine, qui intervistato da Maurizio LORENZINI @podisti.net, che ha ospitato anche un comunicato di Alberico DI CECCO.

Tutto questo non cambia l'immenso affetto che ho per Giorgio, né i dubbi (e le certezze) che per Alberico. Se la FIDAL ravvede margini, agisca e non si limiti a dissociarsi: siamo tutti tesserati suoi!

C'è una sola differenza fra l'azzurro DI CECCO e l'innominabile SCHWAZER (entrambi CC con EPO): uno ha risposto della sua positività alla giustizia sportiva, l'altro anche a quella ordinaria, che nel frattempo aveva raccolto un faldone di vergogne sparse a diversi livelli federali.

2 commenti:

Marco SANTOZZI ha detto...

Uno in particolare non ha chiesto scusa e anzi ha dei dubbi sul 'suo' controllo antidoping; e in aggiunta, in una lettera non scritta di suo pugno, si permette di dare lezione di stile ed etica (sic!) a Giorgio!

Enrico VIVIAN ha detto...

GRAZIE! tutto nei link

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...