martedì 14 agosto 2012

Ruggero PERTILE corona il suo Sogno Olimpico

Rero con Gianni CANELLA
@ FRATTIN Auto
Ha ragione a essere contento Ruggero, come tre mesi fa (vd. post 04/06): e chi non lo sarebbe per una buona partecipazione olimpica? Libero da un paio di anni dall'ingombrante figura di Stefano BALDINI, centra l’obiettivo tecnico e di classifica, come ai Mondiali di Daegu dello scorso anno. In calce vi riporto l'esaltante comunicazione di Diego ZILIO (vd. presentazione post 08/06), arrivata già nel pomeriggio di domenica, da cui ho preso anche il titolo: tanto orgoglio padovano, di un atleta padovano, di una società padovana, di un gruppo industriale padovano. Magari ogni provincia si coalizzasse per produrre questi frutti, così avremmo non uno, ma cento Ruggero PERTILE, prima che la spending review di Mario MONTI ci tagli anche i sogni, non solo le province.

ph. Colombo
È stata una gara strana, che ha sconvolto le previsioni e ha confermato le anomalie della prova olimpica (nei link le ampie e competenti valutazioni @AlbertoStretti di Renato CANOVA - vd. presentazione post 24/06/2011 e 27/06/2011). La prestazione di Stephen KIPROTICH ha dato nuove dimensioni a un mondo che sembrava ristretto nelle valutazioni a tavolino ... He looks like a Kenyan, he sounds like a Kenyan, he runs like a Kenyan, and he trains in Kenya, with Kenyans. But Stephen Kiprotich is taking the Olympic Marathon gold medal back to Uganda (vd. report e intervista @IAAF). Alla quarta maratona è emerso con prepotenza: nella precedente aveva preso le misure lasciandosi alle spalle Haile GEBRSELASSIE (vd. finale post 24/02). Il più gran buco di questa maratona è proprio dell'Etiopia: tre fenomeni sotto le 2h05' nella maratona di Dubai in gennaio e tre ritiri alle Olimpiadi (vd. risultati @IAAF). La più bella prestazione di squadra? Dopo il Kenya, ecco il Brasile, con tre atleti nei primi tredici: forse che stiano già preparando lo show di Rio 2016?


Sorride Ruggero Pertile, al traguardo della maratona olimpica di Londra. Ed è naturale che sia così, perché il campione di Assindustria Sport Padova ha centrato il suo obiettivo. L’unico azzurro al via della gara, forse, più affascinante dei Giochi è decimo al traguardo, in 2 ore 12’45”, al termine di una fantastica rimonta che l’ha portato a recuperare ben dieci avversari negli ultimi 5 chilometri. Pertile è il secondo degli atleti europei dietro al polacco Henryk Szost (nono in 2 ore 12’28”) e davanti allo svizzero, campione continentale, Viktor Rothlin (undicesimo in 2 ore 12’48”), nella prova vinta a sorpresa dall’ugandese Stephen Kiprotich in 2 ore 08’01” davanti al keniano Abel Kirui, due volte iridato.

«Ce l’ho messa tutta – afferma al traguardo l’azzurro di Villanova di Camposampiero, allenato da Massimo Magnani – è stata una gara difficile da interpretare. All’inizio ho cercato di rimanere attaccato al gruppo davanti a me con il polacco Szost, ma viaggiava a un ritmo troppo forte e ho preferito tornare sulle mie cadenze. Intorno al 33° chilometro è scattato qualcosa dentro di me ed è venuto fuori lo spirito del vero maratoneta. Ora? Continuerò finché avrò voglia di correre e magari, tra due anni, mi piacerebbe coronare la mia carriera agli Europei di Zurigo, in casa di Rothlin».

Pertile, che migliora il quindicesimo posto della sua precedente avventura olimpica, a Pechino 2008, ha corso ancora una volta di esperienza. La sua condotta accorta lo ha portato a passare il giro di boa di metà maratona in un’ora 4’57”. Una curiosità: il passaggio di «Rero» nell’ultimo tratto di gara, dal chilometro 40 all’arrivo, è stato il più veloce in assoluto, con 6’48”. Un tempo migliore anche di quello di Kiprotich, il vincitore (6’49”) atleta che, peraltro, era arrivato alle spalle di Pertile ai Mondiali di Daegu del 2011 (ottavo posto contro nono).

«Bravo Ruggero! Questo risultato è la dimostrazione che con l’impegno e la determinazione è possibile ottenere grandi risultati. Pertile è un esempio per tutti» commenta Federico de’ Stefani, presidente di Assindustria Sport Padova, a Londra per tifare il suo atleta. Parole a cui si associano quelle di Francesco Canella, presidente di Alì Supermercati, azienda da sempre vicina al maratoneta gialloblù: «Ruggero è il nostro orgoglio e anche oggi ha dimostrato tutto il suo valore. Del resto, questo risultato non è venuto da solo, ma grazie al grande e intenso lavoro di questi mesi. Noi siamo felici di averlo sostenuto e condividiamo la sua gioia: sapere di aver contribuito a far raggiungere di nuovo il traguardo delle Olimpiadi a un ragazzo che è stato l’unico maratoneta italiano in gara e l’unico atleta non appartenente a una squadra sportiva militare, per noi è già un sogno. Penso che questo risultato possa essere un grande esempio di come, anche nelle difficoltà, con l’impegno, l’umiltà e la fatica sia possibile raggiungere importanti risultati, nello sport come nella vita e nel lavoro. Adesso lo aspettiamo a braccia aperte per accoglierlo e festeggiarlo tutti insieme e speriamo che continui a portare fortuna e successi al gruppo Alì!».

7 commenti:

Giuse ha detto...

Grande Ruggero! Ke bella soddisfazione dev'essere!!

E gli etiopi... Io davvero non ne capisco nulla, ma In 3 sotto le 2h 05' nell'inferno di Dubai... Li mettevano di diritto tra i possibili mattatori... E invece il bello delle olimpiadi è anche in quello!

... Che fa esclamare al'eroe di Atene 2004 "Un Baldini in formato Atene oggi sarebbe stato difficile da tenere dietro!"

Ke bello lo sport!

Giuse ha detto...

Grande Ruggero! Ke bella soddisfazione dev'essere!!

E gli etiopi... Io davvero non ne capisco nulla, ma In 3 sotto le 2h 05' nell'inferno di Dubai... Li mettevano di diritto tra i possibili mattatori... E invece il bello delle olimpiadi è anche in quello!

... Che fa esclamare al'eroe di Atene 2004 "Un Baldini in formato Atene oggi sarebbe stato difficile da tenere dietro!"

Ke bello lo sport!

Enrico VIVIAN ha detto...

YA! Grande soddisfazione per Ruggero! Che sta recuperando le forze qui a Bibione ... a duecento metri da me!

Sulla maratona di Dubai trovi tutto nel resoconto di Renato CANOVA: gli etiopi hanno trovato condizioni perfette in una fresca mattina di fine gennaio!

Tu sogni un BALDINI 2004? Allora io vedo un BORDIN 1988 ... W LA FANTASIA ... e la NOSTALGIA!

Giuse ha detto...

No no... Stefano, come chiosa alla telecronaca ha affermato il virgolettato d cui sopra.

Enrico VIVIAN ha detto...

OK LA BATTUTA! La stessa cosa può essere detta da ogni campione olimpico o vincitore di grande maratona internazionale.

Parlando di gare recenti e protagonisti olimpici, pensa ad Abel KIRUI del mondiale 2011 o d Wilson KIPSANG della maratona di Londra 2012: hanno dato entrambi più di 2' al secondo ... un abisso!

Alberto Stretti ha detto...

Grazie del link Enrico!!!Un onore!!..Mi ricordo,quando appena avvicinato io all'atletica,correvi ad alto livello nella PAF!!..grazie mille...spero di incontrarti a qualche mezza prossimamente!!..ciao

Enrico VIVIAN ha detto...

Grazie a te per l'ottimo materiale che produci: come hai fatto ad avere i testi di Renato?

Ti ho segnalato anche nell'ultimo post: io leggo il libro di SALAZAR e tu intervisti l'originale! Bravo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...